Archive

Archive for December, 2009

jerry manuel a 360°

December 25th, 2009 3 comments
E’ di pochi giorni fa l’intervista pubblicata su Mlb.com a Jerry Manuel, il quale tocca praticamene tutti i temi scottanti di questa offseason dei Mets anche se su certi punti non si sbilancia e lascia alcune ombre.
Vediamo nello specifico cosa ha detto il nostro manager.
Si parte dalla questione catcher. Lo scorso anno Schneider e Santos sono stati i titolari durante la stagione. Manuel individua in quest’ultimo una sorta di titolarità del ruolo, anche perchè Brian con la mazza è stato quasi impresentabile.
Ho fiducia nelle doti di Omir. Ha dimostrato di poter fare molto bene alla sua prima stagione in MLB. Ma il crollo che ha avuto nel finale mi obbliga ad una domanda: può Santos rimanere costantemente sui livelli dei primi 4 mesi per tutta la stagione? Può essere il calo finale dovuto alla disabitudine a giocare un’intera stagione?” E’ ovvio che questi dubbi abbiamo portato la dirigenza a muoversi dal punto di vista del ricevitore. Per il momento sono stati firmati due veterani come Coste e Blanco. Il primo in particolare, sembra dovrà finire in AAA a far da chioccia a Thole per renderlo pronto il prima possibile.  E’ ancora sotto tiro il FA Bangie Molina che ha disputato l’ultima stagione con i Giants; sembra ci sia un’offerta da parte dei Mets per 3 anni di contratto.
Un altro punto importante che tocca Manuel è la potenza del lineup e di conseguenza il buco che ad oggi abbiamo in LF:
Sicuramente la potenza sarà un nostro obiettivo della offseason. In prima base abbiamo un ragazzo come Murphy che ha dimostrato di non essere un hitter di potenza ma di sicuro ha mostrato doti difensive molto buone. Ma è vero, ci serve qualcuno che possa essere una minaccia costante da affiancare a David, Carlos e Josè. E questo dovremmo ottenerlo in LF“. Chiaro messaggio al FO che serve una mazza pesante: Bay o Holliday.
A questo affianca una considerazione importante sul nuovo ballpark:
Il nuovo ballpark ha avuto un’incidenza molto forte sulla nostra stagione. E’ molto ampio e si battono molti tripli. Noi in squadra abbiamo gente che ne batte parecchi e che potrebbe essere importante per noi; penso al rientro di Reyes ma anche a Pagan e Castillo fino ad arrivare a Wright e Beltran“. E’ chiaro che con l’assenza di Reyes il nostro potenziale offensivo, dando per buona l’interpretazione di Manuel del City Field, lo scorso anno si sia drasticamente ridimensionato facendo emergere palesi difficoltà a trovare i punti. Reyes assicura quel baserunning fondamentale per innervosire gli avversari che magari al City potrebbe rivelarsi letale.
Ci fornisce anche un paio di notizie su come procede il recupero del nostro ledoff:
La riabilitazione di Reyes sta andando bene, i suoi progressi sono esattamente in linea con ciò che era previsto. Il suo morale è molto alto, buon segno. Dovrebbe essere pronto per lo Spring Training “. Non possiamo che esserne felici.
Si va nello specifico, Pagan, Perez e Murphy:
Credo che Pagan lo scorso anno si sia messo molto in evidenza. ha commesso alcuni errori sulle basi ma nel complesso è andato molto bene migliorandosi molto: ottima difesa e buon hitting, superiore a .300
Voglio pensare positivo su Perez. Faremo un gran lavoro questa primavera sul lancio di strike. Se lui riuscisse a migliorarsi in questo potrebbe essere, in quanto mancino, molto produttivo per la nostra squadra. Oliver ha mostrato segni di brillantezza contro alcune delle squadre più forti della nostra division  ma anche al di fuori di essa. E’ un problema nostro farlo diventare consistente“. Non credo siano parole che arrivino dalla sua testa. Deve far finta di crederci ancora, ma dato che dobbiamo comunque tenerlo, che provino a fargli cambiare la sua tendenza alle BB. Se loro ci credono…
Per il momento Daniel è il nostro prima base. Deve migliorare, ma ad oggi il titolare è lui. Non è di certo sui livelli di Pujols e Derek Lee, ma i suoi margini sono ampi e noi abbiamo fiducia nei suoi miglioramenti“. Non mi pare emerga una grandissima fiducia, soprattutto dopo che Murphy non si è rivelato quel battitore di potenza che qualcuno vedeva. Cercheranno nel 2010 di capire quanto Ike Davis, che si è ben distinto in AA nel 2009, possa essere pronto per il 2011.
Un piccolo riferimento anche a Delgado che però non pare trovare seguito:
Delgado lo osserveremo nelle sue partite invernali. Dovrebbe iniziare il 15 o il 20. Se ci saranno margini per rifirmarlo lo prenderemo in considerazione“.
L’unico riferimento al pitching è per il bullpen:
Penso che nel bullpen insieme a Rodriguez ci saranno quasi certamente Parnell, Stokes e Green oltre a Feliciano che ha comunque svolto un ottimo lavoro“.
Uno sguardo molto superficiale alla AFL:
Non sono stato molto in Arizona per la AFL ma ho avuto modo di notare un ottimo pitcher come Jenry Mejia. Uno che lancia molti strike ed è giovane. A me non interessa il lancio a 98-99 MPH. A me interessa strike one, strike two. Lanciare forte non serve a nulla se poi non lanci strike“.
E un’occhiata alla prossima stagione con alcuni riferimenti a quelle passata:
Non sono i Mets la squadra da battere nella National East, ma i Phillies. Sono sicuramente una squadra molto solida. Con l’inserimento di Polanco si sono di sicuro mogliorati; è un giocatore importante che può fare la differenza, magari non contro di noi… Credo che saranno competitivi, almeno fino allo Spring Training (ride). L’importante nella corsa ai PO è rimanere sani. Se questo accade è già un punto a favore della squadra“.
E dei Mets, che cosa pensa?
Siamo una buona squadra con buoni giocatori che hanno già fatto bene a livello di MLB. I buoni giocatori li teniamo tutti e cerchiamo di migliorare là dove riteniamo necessario. L’importante, anche alla luce della stagione passata, è rimanere sani, questo è un fattore fondamentale“.

Ho cercato di riportare il più fedelmente possibile il pensiero di Manuel. Per chi volesse leggere l’intervista integrale la può trovare qui.

Ora fatemi sapere cosa ne pensate.

Categories: Manuel Tags: