Archive

Archive for November, 2012

Wright For Life: David rinnova per 8 anni con i Mets

November 30th, 2012 No comments

Come un fulmine a ciel sereno, in una offseason fino a questo momento avara di avvenimenti degni di nota (specialmente dalle nostre parti), questa mattina David Wright ha accettato l’offerta proposta da Sandy Alderson di 122 milioni per 7 anni, senza considerare l’opzione 2013 che a questo punto viene automaticamente esercitata. In totale, quindi, David guadagnerà 138 milioni in 8 anni. Una mossa forte, per mettere a tacere i detrattori e firmare a lungo termine la faccia della franchigia.

Certo, sebbene faccia piacere avere Wright in squadra anche nel futuro, il sottoscritto ha dei dubbi su un paio di elementi.

Il primo è l’andamento “up and down” di Wright nelle varie stagioni. David ha avuto, negli ultimi anni, grandissime stagioni (2006, 2012) e stagioni terrificanti (2009, ad esempio, ma non solo). La speranza è che riesca ad essere costante nei prossimi anni. Ma questo ci porta al secondo punto preoccupante. L’età.

David Wright, sebbene faccia quasi impressione dirlo, spegnerà 30 candeline a Dicembre. Questo vuol dire che nel 2020 avrà 38 anni, età in cui il picco è già ampiamente superato. Dando per scontato che David giocherà al massimo delle sue possibilità, il rischio è di avere 2-3, forse 4 anni ad alto livello (ripetiamo, dando per scontato che Wright giochi bene, cosa tutt’altro che assicurata) per poi dargli uno stipendio spropositato negli anni finali del contratto. Un po’ quello che capita di solito ai nostri vicini di casa del Bronx. La speranza è che questo sia un unicum nella nostra storia, dovuto all’importanza di Wright nell’economia della franchigia. Perché avere un payroll ingolfato con contrattoni per giocatori a fine carriera non è la ricetta giusta per vincere.

La fiducia in Sandy rimane: David e Niese sono gli unici due giocatori con contratto garantito oltre la stagione 2013. Lo spazio salariale per ricostruire e mantenere Wright quindi dovrebbe esserci (con i Wilpon questo ovviamente non può mai essere dato per certo).

Staremo a vedere.

Dopo 27 anni, Dickey!

November 15th, 2012 No comments

Ora possiamo dirlo. Ora che R.A. Dickey ha vinto il NL Cy Young Award possiamo dire che quasi tutti noi in cuor nostro lo abbiamo sempre saputo. E non è questione di campanilismo o tifo con il paraocchi. Semplicemente questo era il suo anno.

Abbiamo sempre detto su questo stesso blog che i metodi di assegnazione di questi premi individuali ci lasciavano perplessi. Ma in questa occasione la differenza in quasi tutte le statistiche e la personalità dimostrata da Dickey dentro e fuori dal campo hanno reso la contesa evidentemente quasi a senso unico.

In 27 su 32 lo hanno votato come primo. Ha vinto con 209 punti contro i 96 di Kershaw arrivato secondo. Primo knukcleballer a vincere il Cy Young, succede nella storia dei Mets a Dwight Gooden, ultimo Met a vincerlo nel 1985. Con loro solo una leggenda come Tom Seaver che con i suoi 3 ( ’69 – ’73 – ’75) Cy Young domina la speciale classifica.

Le 20 W avranno di certo influenzato il giudizio di chi ha votato ed oggi mi sento di dire che va bene così anche se il premio lo merita per ben altri numeri che è riuscito a mettere su: K%, BB%, ERA e FIP. Per la costanza con cui ha affrontato questa stagione, per i due one – hitter consecutivi che non conteranno nulla ma hanno dato un’idea di come nel 2012 Dickey fosse difficilmente toccabile.

Il premio assume anche un sapore particolare proprio per il fatto che a vincerlo è la “knuckleball”. Questo lancio che rende la palla un palloncino impazzito che fluttua nell’aria e i battitori non capiscono fino all’ultimo in quale parte della zona finirà la sua corsa. Uno dei lanci più lenti dell’intero arsenale dei lanciatori (pochi) dove il polso diventa fondamentale forse più del caricamento. Odiato in egual misura da battitori e ricevitori. In particolare questi ultimi molto spesso preferiscono evitare di ricevere un pitcher che lancia la knuckle per non incorrere in brutte figure.

Un premio per la storia particolare di questo ragazzo di 38 anni che è riuscito a costruirsi una seconda carriera dopo un brutto infortunio e la quasi consapevolezza di dover dire addio al baseball. L’ultimo anno in Texas è fondamentale nella sua rinascita perché è da lì che ha iniziato a specializzarsi nel lancio della knuckleball. Non sono però subito rose e fiori. R.A fatica ad adattarsi, passa più tempo in AAA che non in MLB. I tifosi dei Mets lo ricorderanno con la casacca dei Seattle Mariners lanciare una partita stellare contro di noi. Fino al 2012 quando dai Minnesota Twins passa definitivamente ai Mets.

Ieri si è conclusa la sua “rinascita”. Ieri è entrato nell’elite. Ieri ha scritto un pezzo di storia.

GRAZIE R.A DICKEY – 2012 NL CY YOUNG

R.A. DICKEY WINS CY YOUNG AWARD

November 15th, 2012 No comments

Categories: Cy Young 2012, Dickey Tags:

Finita la pausa. Si riparte.

November 8th, 2012 No comments

Ed eccoci di nuovo qui. Dopo circa un mese di silenzio in cui abbiamo visto una bella post season conclusasi con la vittoria dei San Francisco Giants (soprattutto senza Phillies e con i cugini che ci hanno dato diverse soddisfazioni) è arrivato il momento di tornare ad occuparci in pianta stabile dei nostri Mets.

Durante l’anno siamo riusciti a coprire con i nostri recap il 90% delle partite giocate ed è per noi un risultato strabiliante. Speriamo di averlo fatto in modo esauriente ma soprattutto che il servizio sia stato all’altezza delle vostre aspettative. La nostra piccola comunità di appassionati che si appoggia al blog per vivere quotidianamente i Mets è una ricchezza che va coltivata e pertanto l’impegno che profonderemo sarà sempre massimo.

La offseason si preannuncia calda fin da subito. Il 14 novembre è la data-madre a cui facciamo riferimento perché è in quel giorno che verrà annunciato il vincitore del Cy Young Award. Il rilascio di Jason Bay può aprire nuovi orizzonti o si tratta solo di un fuoco di paglia? J.P Ricciardi ha appena ottenuto un prolungamento del contratto di 3 anni sempre come “special assistant” di Sandy Alderson. Il caso Wright e la situazione intricata di Dickey.

Molta carne al fuoco. Avremo (purtroppo) 5 mesi di tempo per analizzarla tutta.

LET’S GO METS!

Categories: Dickey, Offseason 2012, Wright Tags: