Archive

Archive for the ‘d’Arnaud’ Category

Vinta la serie contro i Marlins

September 16th, 2013 No comments
I Mets festeggiano il singolo vincente di d'Arnaud

I Mets festeggiano il singolo vincente di d’Arnaud

Finisce la serie di quattro partite contro i Marlins e la vinciamo anche nettamente. 3 partite vinte e 1 persa con delle discrete prestazioni dei nostri pitchers e la solita fatica delle mazze.

Eloquente quanto successo in gara 4 dove entrambe le squadre esaltano le prestazioni dei due partenti i quali concedono davvero le briciole ai rispettivi attacchi. Gee conferma il suo ottimo stato di forma ottenendo anche 8 SO ed abbassa ulteriormente la sua ERA a 3,47. La partita arriva sullo 0-0 fino al nono inning.

Negli extra la musica non cambia molto. I bullpen sono anche loro padroni del campo fino al dodicesimo. Il nostro Black lo lancia in modo perfetto. Phillips e Webb per i Marlins vanno in difficoltà ed alla fine concedono ad un d’Arnaud finalmente in multihits di battere il singolo che porta a casa Duda per il punto che decide la partita.

Ovviamente nulla cambia a livello di classifica e oggi la partita più importante si gioca in uno studio medico. Harvey dovrebbe decidere oggi se sottoporsi alla TJ oppure no.

Attendiamo in trepidante attesa.

Categories: d'Arnaud, Gee, Regular Season 2013 Tags:

Detroit Tigers @ New York Mets 11-3

August 26th, 2013 No comments
Primo homerun in MLB per d'Arnaud

Primo homerun in MLB per d’Arnaud

I Tigers completano lo sweep ai danni dei Mets nella serie al CityField. Questa volta a Gee non riesce il miracolo ed anche gara 3 va a Detroit.

Di per se la partita non ha molto da raccontare se non le solite misere 4 valide battute dal nostro lineup contro un Porcello non irresistibile.

Ma c’è da raccontare del primo homerun in MLB di Travis d’Arnaud, un lampo in un pomeriggio povero di emozioni per i tifosi dei Mets. Con Lagares sulle basi grazie all’infield single battuto poco prima, Travis si avvicina al piatto. Si prende un ball ma alla seconda palla gira la mazza in modo perfetto e spedisce la palla lontano oltre le recinzioni: ” Buongiorno, sono Travis!”.

I Mets passano in vantaggio anche se poi non saranno in grado di mantenerlo ma questo fuoricampo è qualcosa che va oltre i punti e il risultato. Basta vedere la reazione del pubblico una volta che il giovane catcher è tornato nel dogout. Ovazione totale di tutto il City fino a quando Travis non si affaccia con il caschetto in mano e ringrazia il pubblico per l’incitamento.

Ero senza parole – dirà al termine della partita – ringrazio tutto il pubblico per le belle sensazioni che mi ha fatto provare. Sono contento per il mio primo HR nelle Major ma non dimentichiamo che abbiamo perso“.

D’Arnaud non ha ancora dimostrato nulla sia chiaro. Nonostante sia stato un HR è anche solo la sua seconda valida da quando gioca con costanza. Ma anche ieri si è aperto un po’ di più quello spiraglio di ottimismo che stiamo cercando da anni. Sembra davvero che poco alla volta inizia a concretizzarsi un lavoro enorme iniziato 3 anni fa.

Tralasciando gli inning pessimi lanciati da Hawkins e Atchinson, pensiamo alla serie da 4 che inizia questa notte contro i Philadelphia Phillies. Tanto per non farci mancare nulla l’antipasto sarà Wheeler vs Lee.

Categories: d'Arnaud, Regular Season 2013 Tags:

Uno sguardo in giù (minors)

August 11th, 2013 No comments
Travis d'Arnaud

Travis d’Arnaud

I due partenti dei Futures Game 2013 ancora protagonisti nelle Minors.

Rafael Montero domina il lineup di Oklahoma City e concede agli avversari un solo punto in sette fantastici ip lanciati nei quali piazza anche 9 so e subisce solo 2 valide. Dopo un inizio comprensibilmente difficile Montero porta la sua era a 3,60 complessiva mentre nelle ultime 3 partenze è a 2,33 con 21 strikeouts.

Noah Syndergaard piazza la seconda partenza settimanale ed è un’altra grande prestazione. 5 ip senza subire alcun punto e dominio del lineup avversario. Siamo ormai nella fase di conservazione delle braccia dei migliori pitcher e quindi Noah non va mai più di 5 inning. Ma le prestazioni rimangono comunque di altissimo livello. Difficile pensarlo ancora in AA all’inizio del 2014.

Un’ultimo accenno lo vogliamo fare per Travis d’Arnaud che dal AA è stato appena promosso di nuovo a Las Vegas. Con i Mets impegnati in questo lungo viaggio ad Ovest e con Buck in procinto di lasciare la squadra per la nascita del figlio sono sempre più insistenti le indicazioni che danno per imminente la chiamata di Travis da parte di Collins.

Categories: d'Arnaud, Montero, Syndergaard Tags:

Tegola d’Arnaud: piede rotto.

April 19th, 2013 No comments
Travis d'Arnaud

Travis d’Arnaud

Con una puntualità che neanche un orologio svizzero arriva la tegola. Travis d’Arnaud si è fratturato il primo metatarso del piede sinistro nella partita della affialiata di AAA mercoledi notte. Travis è stato immediatamente sostituito e preso in consegna dai medici dei Mets i quali hanno subito capito che non era un infortunio da nulla.

Oggi d’Arnaud dovrebbe arrivare a Manhattan per l’incontro con gli specialisti. Ovviamente non è ancora possibile capire se ci sarà bisogno dell’operazione e di conseguenza non si può avere la certezza di quanto tempo dovrà stare fermo. Certo è che l’infortunio che ha subito non è una cosa che ti rimette in piedi pronto a giocare in poco tempo. Si stimano 2 mesi di stop assoluto. Poi si vedrà.

Al di là della gravità del fatto rimane l’amaro in bocca per il tempo che d’Arnaud dovrà perdere. Era stato mandato in AAA nonostante uno Spring Training da protagonista proprio per dargli la possibilità di giocare con continuità. Sono ovviamente infortuni che nel baseball possono capitare e quindi non ci possono essere recriminazioni di nessun tipo.

Travis stava battando .250 con un HR e 8 rbi in 36 at-bat.

Categories: d'Arnaud, Regular Season 2013 Tags:

Giorno di riposo

March 5th, 2013 No comments

ny_e_santana_576

Arriva il primo dayoff da quando sono iniziate le partite di Spring Training e possiamo approfittarne per vedere come vanno le cose in casa Mets.

Tralasciando i risultati che in questo periodo contano meno di zero è ovvio che l’attenzione si sposta sulle criticità. Abbiamo detto nel post precedente della partenza di Wright per rappresentare gli USA al World Baseball Classic. Una perdita importante anche solo per questo mese di marzo data la grande influenza che ha ormai David all’interno della clubhouse.

C’erano da verificare alcune situazioni e da confermarne altre. Dobbiamo purtroppo registrare l’infortunio di Nieuwenhuis per il quale solo oggi si è capito che non ha interessato i legamenti del ginocchio ma ancora non è possibile capire quando potrà tornare in campo. Brutta tegola che non ci voleva in particolare perché il ragazzo aveva bisogno di rodaggio per provare a giocarsi le sue carte.

Sembra essere invece una telenovela quella di Santana. I Mets rallentano e fanno sapere che non lancerà fino a metà marzo mettendo persino in dubbio la sua disponibilità per l’Opening Day. Lui però scalpita e decide di programmare alcune bullpen session per dimostrare di essere sulla strada giusta. In questa situazione però subentra anche un fatto personale tra giocatore e front office dopo che era stato negato a Santana il permesso di giocare il WBC. Johan preme per dimostrare che fisicamente è a posto ma con la fretta non si ottengono mai buoni risultati.

Wheeler dopo la prima ottima uscita ha avuto un dolore al braccio ed è stato subito tolto dalla rotazione di quella giornata. Messo a riposo nessuno pensa che sia nulla di particolarmente grave ma con un braccio così importante la cautele è d’obbligo. In programma per lui una bullpen session giovedì. Da lì si vedrà come procedere con il programma.

Per quel che riguarda i position player da segnalare il buon momento di forma di Byrd che ha capito la situazione ed in virtù anche dell’infortunio patito da Nieuwenhuis, preme sull’acceleratore.

Buone le prestazioni di Travis d’Arnaud sia con la mazza che dietro il piatto tanto da spingere Collins a complimentarsi con lui per come ha gestito i lanci dei pitchers che si sono alternati sul monte. Il ragazzo ha stoffa e si vede.