Archive

Archive for the ‘Hefner’ Category

New York Mets @ Milwaukee Brewers 2-1

July 8th, 2013 No comments
7ip, 2H, 1er, 8SO

7ip, 2H, 1er, 8SO

Un’altra partenza stellare di Hefner da ai Mets la vittoria della serie contro i Brewers.

Jeremy lancia 7 ip incredibili costellati da 8 SO e solo due valide concesse di cui una è il fuoricampo di Lucroy che da l’unico punto agli avversari. Nonostante un run support decisamente basso Hefner tiene a bada le mazze avversarie e tiene in partita la sua squadra che fino a quel momento aveva segnato solo due punti, uno grazie ad un errore difensivo dei Brewers e l’altro grazie all’rbi di un Satin nuovamente in grande spolvero.

Collins infatti tiene fuori Davis e mette Satin  a battere quinto. La sua risposta è un 3-4 con punto decisivo spinto a casa e media battuta che si alza a .382.

Con un solo punto di vantaggio Collins nell’ottavo chiede a Parnell una salvezza lunga e Bobby si fa trovare pronto. 4 outs per lui e 15° sv stagionale.

Quinta W consecutiva per Hefner che non smette più di stupire per la solidità delle sue prestazioni. La sua ERA scende a 3,39 ed aumenta partenza dopo partenza la consapevolezza dei suoi mezzi.

Da questa notte inizia una serie difficile a San Francisco. Harvey il nostro primo partente.

Categories: Hefner, Regular Season 2013 Tags:

Chicago Cubs @ New York Mets 3 – 4

June 17th, 2013 No comments
Nieuwenhuis batte l'HR che regala la W ai Mets

Nieuwenhuis batte l’HR che regala la W ai Mets

Ogni tanto c’è bisogno di queste partite. C’è bisogno di toccare il fondo, rimanerci, pensare che tutto è perduto per poi risalire e vedere che gli spiragli ci sono.

Questa è gara 3 della serie contro i Cubs. Una prestazione al limite del ridicolo per 8 inning. Hefner come al solito conferma la sua tendenza alla discontinuità e non riesce a domare completamente il lineup dei Cubs. Lancia 5 IP non indimenticabili concedendo 6 valide agli avversari. Ma ottiene anche 5 SO e concede solo 1BB, che dimostra come lentamente stia trovando sempre meglio la zona dello strike.

Nel primo inning il singolo di Soriano porta a casa Valbuena per il primo punto Cubs. Partita che va subito in salita. Nel terzo inning il segnale che i Mets in difesa non ci sono proprio. Soriano, sempre lui, batte una rimbalzante verso Wright che recupera la palla e spara in prima un’assistenza troppo alta. Potrebbe finire qui ma appena Castro accenna la corsa a casa base Murphy tira verso Buck o almeno quella vorrebbe essere l’intenzione perché anche lui sbaglia la mira e permette anche a Schierholtz di arrivare salvo a casa nonostante un altro tiro sbagliato di Quintanilla. Nel frattempo Soriano è arrivato trotterellando in terza base. 3-0 Cubs. Imbarazzante.

Hefner riesce a chiudere l’inning che sancisce anche il termine della sua partita. E qui il bullpen entra in gioco in modo determinante. Torres, al suo esordio con la maglia Mets, Aardsma e Parnell lanciano 4 inning incredibili. I Cubs battono una sola valida. Ma dall’altra parte ancora il nulla.

Fino al nono inning. Quell’inning che ti riconcilia con la squadra. Inizia Byrd, che ormai la butta fuori con regolarità, e fa 3-1 con la palla che atterra al secondo anello del City Filed.

Marmol barcolla e manda in base Duda. Buck ritrova la via della valida e con zero out Duda va in seconda. Quintanillia con un sacrificio li porta in seconda e terza. E poi arriva Nieuwenhuis. Quello che non ti aspetti, il CF appena richiamato da Las Vegas in un momento critico della stagione. Uno che quest’anno non ha battuto neanche un’HR in MLB. E capita in queste partite che il lieto fine arrivi proprio da chi meno ti aspetti. Ed è così che Kirk batte quella palla con tutta la rabbia e frustrazione di un anno passato ai margini dopo un inizio 2012 in cui sembrava lanciarsi.

Walkoff HR di Nieuwenhuis and the Mets win!

Categories: Hefner, Nieuwenhuis, Regular Season 2013 Tags:

New York Mets @ Washington Nationals 2-3

June 5th, 2013 No comments
Un'altra buona partenza per Hefner

Un’altra buona partenza per Hefner

Che cosa si può dire di una partita in cui sei in vantaggio di un punto fino alla parte bassa del nono, in cui il tuo pitcher da 5 ERA lancia 7 IP con 7 SO e subendo solo un punto? Che sarebbe da pazzi perderla.

Eppure i Mets di quest’anno sono in grado di farlo. Hefner sale sul monte e lancia con una sicurezza che raramente gli abbiamo visto. Tiene il pitch count molto basso senza concedere quasi nulla se non un punto nel secondo inning grazie all’HR di Desmond. Per il resto il lineup dei Nationals è tenuto decisamente a bada. Solo 4 le valide concesse e solo 1 BB riescono a conquistare gli avversari.

Ma le mazze sono fredde. E ieri ne abbiamo avuto la riprova. Solo due uomini del lineup sono riusciti a battere, Quintanilla e Valdespin, ed entrambi 2 valide. Il resto è lo zero assoluto.

Fa piacere constatare come Quintanilla sia caldo in questo momento e dopo il primo HR di stagione arrivano ieri un triplo, un doppio e 2 rbi. Collins lo schiera da leadoff in battuta e sembra che qualche risultato lo stia ottenendo. Parliamo sempre di un campione ridottissimo di partite e quindi l’attendibilità di questi dati è da prendere con le pinze ma perlomeno tiene a galla la barca.

Ci pensa il bullpen ad affondarla definitivamente. Se Lyon lancia un ottavo inning praticamente perfetto, questa volta tocca a Parnell sprecare tutto e bruciare la sua 3 salvezza del 2013 ma soprattutto incassare i due punti che regalano la vittoria di questa gara 1 ai Nationals.

Questa sera si replica. Gee è chiamato a confermare quanto di buono ha fatto vedere 5 giorni fa. Di fronte si troverà un Haren lontano parente di quello che abbiamo ammirato 2 anni fa a Los Angeles.

Categories: Hefner, Quintanilla, Regular Season 2013 Tags:

New York Mets @ New York Yankees 9-4

May 30th, 2013 No comments
Ike Davis e il suo singolo da due punti nel primo inning

Ike Davis e il suo singolo da due punti nel primo inning

Arriva un’altra grande serata per i Mets in queste Subway Series che ci stanno regalando davvero dei bei momenti.

Ci si sposta allo Yankees Stadium per le ultime due partite di questa strana serie. Hefner sul monte contro Phelps. E l’inizio è di quelli forti: doppio di Murphy dopo il singolo di Tejada, 1-0. Singolo di Buck e Murphy fa 2-0. Grounder di Byrd e Wright fa 3-0. Singolo di Davis e Buck e Ankiel fanno 5-0.

Annientato il povero Phelps che viene tirato giù dal monte da Girardi dopo solo 0.1 IP e partita subito incanalata sui binari giusti. Hefner non deve neanche battere e deve solo concentrarsi per non combinare troppi guai. E ci riesce. Controlla il lineup degli Yankees andando in difficoltà solo un paio di volte. Concede 3 punti agli avversari ma è evidente che nel sesto inning ha finito la benzina. Ottiene 5 SO e riesce a non concedere neanche una BB. Nel complesso una buona uscita che si abbina perfettamente con la giornata di grazia delle nostre mazze.

Ma non finisce qui. Nel terzo  Byrd batte il sue quinto HR stagionale e fa 6-0 e nel quarto Duda batte un doppio profondo che porta a casa Baxter e Wright che fanno 8-0.

Yankees impotenti e Mets straripanti. Anche il bullpen non si tira indietro. Rice lancia 1.2 IP con grande sicurezza e abilità ottenendo 3 K e non concedendo punti.  Lo rileva  Hawkins che concede ancora un punto agli Yankees nel nono con 2 out quando i corridori sulle basi erano di contorno perché si pensava solo ad eliminare al piatto. C’è ancora il tempo nel nono per un Rbi di Ankiel che porta a casa Murphy per il 9-4 finale.

Terza vittoria consecutiva, serie vinta contro i cugini e squadra che sembra una squadra di baseball. Purtroppo si fa male Tejada che molto probabilmente andrà in DL. Era già sotto osservazione e si parlava per lui e Davis di un ultimatum relativo a questa serie contro gli Yankees. Avrebbero dovuto dare segnali di risveglio per evitare di essere spediti a Las Vegas. Per Tejada probabilmente la soluzione si è trovata involontariamente con questo infortunio. Quintanilla sembra il candidato principale a salire in MLB per sostituirlo. Davis ieri è andato 2-4. Satin, prima base a Las Vegas, 4-5 battendo .316 con una OPS di .917.

New York Mets @ St.Louis Cardinals 3-6

May 14th, 2013 No comments
Il tentativo di presa in tuffo di Ankiel, al suo esordio con i Mets

Il tentativo di presa in tuffo di Ankiel, al suo esordio con i Mets

Gara 1 della serie contro i Cards prende interesse dal momento che poche ore prima della partita i Mets annunciano la firma di Rick Ankiel, ex proprio dei Cardinals con una storia alle spalle molto particolare. Prima pitcher e poi riciclato esterno a St.Louis, rilasciato dagli Astros la settimana scorsa, arriva a vestire la maglia dei Mets con .194 di avg ma soprattutto i suoi 35 SO in 65 at-bat.

Collins nelle dichiarazioni pre partita dichiara di vederlo in platoon contro i destri e nel frattempo fa tornare a Las Vegas Brown. Ed infatti Ankiel è subito nel lineup, al settimo spot.

Hefner sul monte per affrontare una delle squadre più calde del momento. E Jeremy va subito in difficoltà. Primo inning con un doppio di Craig e un sacrificio di Jay che portano i primi due punti ai padroni di casa. Ma le stelle sembrano strizzare l’occhio ai ragazzi di New York e nel secondo inning ci mettono del loro. Ankiel al suo primo at-bat prende una impensabile base ball e si mette in base con Baxter. Murphy al piatto bette un doppio profondissimo grazie anche all’errore di valutazione di Beltran che, con il sole frontale, valuta male la traiettoria della palla che lo supera e rotola lenta verso il muro. I Mets pareggiano. Non è finita. Wright batte una grounder velenosa che Descalso non riesce a controllare in corsa. Murphy si accorge di avere una frazione di tempo in più e non si ferma in terza ma vola a casa. I Mets sono incredibilmente in vantaggio.

Ma dura poco. Secondo anche per loro, Carpenter batte un singolo che porta a casa Freese. 3-3 e si riparte. A questo punto sia Hefner che Lynn sfoderano un’ottima prestazione. Il nostro pitcher ne elimina 10 di fila prima di concedere un’altra valida. E arriva fino al sesto subendo solo quei 3 punti iniziali.

Dopo 97 lanci tocca al bullpen. E arriva la svolta della partita. Wigginton batte una palla verso l’esterno centro. Ankiel corre veloce e decide di tuffarsi per arrivare prima. E ci arriva. Ma non riesce a chiudere in tempo il guanto e la fa rotolare oltre dando a Wigginton la possibilità di arrivare fino in seconda. Al termine della gara si scoprirà che Ankiel stava usando un guanto di Niese e, secondo quanto dice l’esterno, se avesse avuto il suo sarebbe riuscito a trattenerla.

Si va avanti. Rice lancia e Carpenter batte una linea che colpisce il piede del pitcher e varia la sua traiettoria verso il dogout dei Mets. Buck si stacca da casa base per arrivare sulla palla ma è troppo tardi per l’out in prima. Rice lo segue ma mentre i nostri difensori danno praticamente per terminata l’azione Wigginton, arrivato in terza, si accorge che casa base è “scoperta” e decide di correre. Ci vuole troppo tempo prima che Rice si accorga di essere nel posto sbagliato, capisca cosa fare e raggiunga il piatto per tenare un out improbabile. Sconfortante.

Si apre una voragine nella difesa dei Mets che scaturisce nell’HR da due punti di Holliday che fissa il punteggio sul 6-3 per i Cardinals.

Record che crolla a 14-21 e questa sera Gee affronta l’esordiente John Gast. Ore 2.15 italiane.

Categories: Hefner, Murphy, Regular Season 2013 Tags:

Chicago White Sox @ New York Mets 6-3

May 9th, 2013 No comments
Pioggia di valide su Hefner

Pioggia di valide su Hefner

I White Sox pareggiano la serie sfruttando un’altra tentennante partenza dei Hefner che lancia per 6 IP ma concede 8 valide e 4 punti.

Fin dall’inizio la partita si mette in salita e il nostro attacco non riesce a contrastare un Peavy decisamente in buona giornata. Alla fine della partita saranno 8 le battute valide per il nostro lineup, ne piazzano 2 a testa Baxter e Tejada che dopo circa 10 partite non viene schierato da leadoff.

Da primo in battuta torna Valdespin ma è di nuovo l’ennesima partita deludente schierato dall’inizio della partita. Il Atchinson e Familia subiscono i due punti che portano Chicago a 6 mentre Rice e Hawkins reggono bene l’impatto con le mazze avversarie.

6 a 3 il punteggio finale, record a 13-17 e alle porte una serie infinita di 4 partite contro i Pittsburgh Pirates. Si parte questa notte con Gee sul monte ad affrontare Locke. Ore 1.10 italiane.

Categories: Hefner, Regular Season 2013 Tags:

New York Mets @ Miami Marlins 1-2

May 1st, 2013 1 comment

Il momento chiave della partita: Wright tocca Coghlan in terza ma l'arbitro chiama "salvo"

Il momento chiave della partita: Wright tocca Coghlan in terza ma l’arbitro chiama “salvo”

Hefner fa il fenomeno in gara 2 contro i Marlins ma non basta a portare a casa la partita. Il nostro pitcher lancia 8 fantastici inning concedendo solo una manciata di valide ai Marlins e ottenendo 8 K. Hefner dimostra un controllo assoluto, decisamente in contrasto con il giocatore che siamo abituati a vedere normalmente. Guida la squadra nel tentativo di interrompere la striscia negativa di 4 sconfitte.

L’attacco latita anche ieri sera ma nel quinto inning sembra esserci la svolta. Murphy batte un doppio profondo. Davis lo fa avanzare in terza e Recker, che gioca al posto di Buck,  batte una sacfly in esterno sinistro che lo porta a casa per il punto del vantaggio Mets.

Hefner è davvero in serata di grazia e nonostante il vantaggio non si scompone e continua a martellare il lineup di Miami. Tiene un pitch count molto basso che gli permette di arrivare alla fine dell’ottavo con poco più di 100 lanci. A questo punto entra in gioco Collins. Lo rimette per il nono?  Il closer dichiarato, Parnell, la sera prima ha lanciato 2 inning proprio perché lui stesso aveva bruciato la SV. Hefner ha concesso qualcosa ed è oltre la soglia dei fatidici 100 lanci. Evidentemente Collins non si fida del bullpen e decide che Jeremy andrà avanti. Non si capisce però se per dargli la possibilità del Complete Game o se davvero non abbia visto alternative migliori nei rilievi. Se davvero fosse la seconda ipotesi sarebbe grave perché vorrebbe dire che le alternative ai mediocri partenti sono peggio.

Hefner rientra nel nono. Coghlan batte valido. Collins scruta la situazione dal dogout ma non interviene e lo lascia su. Passed ball per Recker e Coghlan vola in seconda. La situazione sta precipitando ma nulla si muove dal bullpen. Pierre al piatto. Hefner fatica contro di lui. Alla fine arriva il bunt di sacrificio con Coghlan che corre verso la terza. Recker recupera la palla e decide di tirare verso Wright. David riceve la palla nel guanto ma intanto Coghlan arriva in base. Il tuffo però è troppo lungo e il piede sinistro non riesce ad “ancorare” la base e si stacca proprio mentre Wright lo tocca. L’arbitro di terza chiama salvo ma la situazione è tutt’altro che chiara. Dal replay sembra evidente che per una frazione di secondo il piede di Coghlan si stacchi dalla base e lì venga toccato. Rimane discutibile la decisione di Recker che pensa di avere il tempo e lo spazio necessari per tirare in terza ma la palla nel guanto di Wright arriva ampiamente dopo che Coghlan tocca la base per la prima volta. A prescindere dalla chiamata arbitrale, errore di valutazione del catcher dei Mets che mette uomini in prima e terza con zero out.

Tutti salvi e si riprende con Solano al piatto. A questo punto, con la frittata mezza fatta, Collins toglie Hefner, chiaramente in difficoltà, e inserisce Lyon il quale prende subito il singolo di Solano che porta a casa Coghlan per il pareggio. Base intenzionale a Polanco per avere il gioco forzato su tutte le basi, mossa della disperazione. Dobbs al piatto. Ma la battaglia con il battitore dei Marlins non inizia neanche. Wild pitch per Lyon e Pierre che corre a casa per il punto del 2-1 Marlins.

Questa sera gara 3 per evitare il secondo sweep consecutivo. Gee contro Leblanc, 18.40 ora italiana.