Archive

Archive for the ‘Nieuwenhuis’ Category

New York Mets @ Milwaukee Brewers 12-5

July 6th, 2013 No comments
Kirk Nieuwenhuis, partita stellare.

Kirk Nieuwenhuis, partita stellare.

La serie contro i Brewers inizia subito con il botto. La nuova partenza di Zack Wheeler in MLB è offuscata dalla notizia del ritorno a roster di Ike Davis. LA conferma arriva in serata quando Ike è già in viaggio da Las Vegas. E dopo pochi minuti arriva anche la notizia che Davis partirà titolare ma soprattutto si riprende il posto di cleanup.

Tutto abbastanza imprevedibile e quasi senza spiegazione. Si sprecano le perplessità sui social network. Principalmente ci si chiede come sia possibile mettere in panchina uno come Satin che sta attraversando un momento decisamente caldo per riproporre Davis, appena rientrato dalla demotion che sapeva tanto di punizione, pur con dei numeri soddisfacenti?

Collins si è subito affrettato a dire che se Davis sta nei 25 non lo fa per far platoon. E lo ha dimostrato mandandolo in campo come se nulla fosse, come se un mese non fosse passato.

Dal punto di vista dei numeri è andata bene. Ike ha battuto 3-5 con 2 rbi ed è riuscito anche a conquistare una BB, cosa che non si vedeva da tempo immemore. Il solito K non è mancato nel tabellino del nostro prima base.

Davis è comunque parso tranquillo. E’ sembrato leggermente diverso nel suo approccio al piatto e il suo giro di mazza ha dato la sensazione di essere più deciso rispetto ad un mese fa. E’ solo una partita e sono solo 5 at-bat. Ci vorrà tempo per capire che indirizzo potrà prendere la sua carriera.

Nel frattempo Wheeler giocava una partita contro gli avversari ma principalmente contro se stesso nel tentativo di trovare quei lanci che lo hanno reso quello che è.

2 punti subiti nel primo inning e la costante sensazione di essere sempre indietro rispetto al battitore. Ma il ragazzo ha stoffa e si vede. Il controllo deve migliorare e le 3 BB concesse sono ancora troppe. Solo 3 gli strikeout. Anche ieri ha usato prevalentemente la sua fastball  4 ciciture che è il lancio con cui si trova maggiormente a suo agio e con il quale ha toccato i 98 mph. Ha provato anche 14 slider che hanno toccato la velocità massima di 91 mph e 4 curve delle quali 2 strike.

Il terzo inning è stato quello più difficile per Zach nonostante sia riuscito a non prendere punti. Solo 8 strike lanciati su 18 lanci. I Brewers lo aiutano battendo una linea ed una grounder anche se lui concede una BB a Francisco e manda K Schafer.

Alla fine sono altri 5 ip che entrano nella maturazione di Wheeler e, a parte la seconda W in MLB che conta davvero relativamente, l’ERA scende a 4,29. Nel complesso una discreta partita aiutato poi da un attacco davvero in palla guidato da Nieuwenhuis che gioca forse la sua migliore partita da quando lo vediamo con la maglia dei Mets: 4-4, 5 rbi, 2 BB, 3 runs, 1 doppio e un triplo fanno di lui il vero mattatore della serata di ieri in cui tutto ha girato per il meglio.

12 – 5 il punteggio finale e nel mirino gara 2 quando sul monte salirà Marcum.

Categories: Davis, Nieuwenhuis, Regular Season 2013 Tags:

Arizona Diamondbacks@New York Mets 5-4

July 5th, 2013 No comments
Quintanilla segna il punto del pareggio nel quinto inning

Quintanilla segna il punto del pareggio nel quinto inning

Partita infinita gara 4 contro Arizona. Ci vogliono 15 inning per decretare il vincitore in una gara sostanzialmente equilibrata che vede i due partenti darsi battaglia per 7 ip quasi dominanti. Gee e Kennedy concedono il minimo indispensabile ai due lineup e 2 punti  a testa grazie agli rbi di Byrd e Gee per i Mets e Nieves per i DBacks.

Dal settimo in poi tocca ai bullpen decidere la partita. I primi rilievi copiano i partenti e zittiscono le mazze fino al tredicesimo inning. Da qui inizia una rincorsa delle due squadre a chi sbaglia di meno.

Aardsma sul monte riempie le basi. Ross lavora bene il conto al piatto e riesce a prendersi la base che vale il punto del 3-2.

Ma i Mets di questo periodo sono duri a morire e ci pensa Recker, davvero in un momento d’ora, a mandarla fuori per il punto del 3-3. La partita prosegue.

Nel quattordicesimo tocca a Lyon il quale in 2 turni di battuta manda Pennington in terza base. Prado al piatto non si fa pregare e con l’ennesimo bloop single della serata consente al compagno di segnare il punto del 4-3.

Lyon a fine partita sarà DFA.

Quando sembra tutto finito si presenta al piatto il “Capitano Kirk” e quando meno te lo aspetti si inventa un HR in campo sinistro che pareggia nuovamente la partita. Insomma, se vogliono pareggiare la serie se la devono sudare.

Rice sul monte per il quindicesimo inning di questa infinita giornata dell’Indipendenza. E sono di nuovo problemi. Dopo aver ottenuto 2 out Rice va in bambola e concede 3 valide consecutive. Sull’ultima di Pennington, Parra vola a casa per il 5-4.

Non riesce un altro miracolo nella parte bassa dell’inning con Ziegler bastonato 2 sere fa che riesce a chiudere inning e partita.

Chicago Cubs @ New York Mets 3 – 4

June 17th, 2013 No comments
Nieuwenhuis batte l'HR che regala la W ai Mets

Nieuwenhuis batte l’HR che regala la W ai Mets

Ogni tanto c’è bisogno di queste partite. C’è bisogno di toccare il fondo, rimanerci, pensare che tutto è perduto per poi risalire e vedere che gli spiragli ci sono.

Questa è gara 3 della serie contro i Cubs. Una prestazione al limite del ridicolo per 8 inning. Hefner come al solito conferma la sua tendenza alla discontinuità e non riesce a domare completamente il lineup dei Cubs. Lancia 5 IP non indimenticabili concedendo 6 valide agli avversari. Ma ottiene anche 5 SO e concede solo 1BB, che dimostra come lentamente stia trovando sempre meglio la zona dello strike.

Nel primo inning il singolo di Soriano porta a casa Valbuena per il primo punto Cubs. Partita che va subito in salita. Nel terzo inning il segnale che i Mets in difesa non ci sono proprio. Soriano, sempre lui, batte una rimbalzante verso Wright che recupera la palla e spara in prima un’assistenza troppo alta. Potrebbe finire qui ma appena Castro accenna la corsa a casa base Murphy tira verso Buck o almeno quella vorrebbe essere l’intenzione perché anche lui sbaglia la mira e permette anche a Schierholtz di arrivare salvo a casa nonostante un altro tiro sbagliato di Quintanilla. Nel frattempo Soriano è arrivato trotterellando in terza base. 3-0 Cubs. Imbarazzante.

Hefner riesce a chiudere l’inning che sancisce anche il termine della sua partita. E qui il bullpen entra in gioco in modo determinante. Torres, al suo esordio con la maglia Mets, Aardsma e Parnell lanciano 4 inning incredibili. I Cubs battono una sola valida. Ma dall’altra parte ancora il nulla.

Fino al nono inning. Quell’inning che ti riconcilia con la squadra. Inizia Byrd, che ormai la butta fuori con regolarità, e fa 3-1 con la palla che atterra al secondo anello del City Filed.

Marmol barcolla e manda in base Duda. Buck ritrova la via della valida e con zero out Duda va in seconda. Quintanillia con un sacrificio li porta in seconda e terza. E poi arriva Nieuwenhuis. Quello che non ti aspetti, il CF appena richiamato da Las Vegas in un momento critico della stagione. Uno che quest’anno non ha battuto neanche un’HR in MLB. E capita in queste partite che il lieto fine arrivi proprio da chi meno ti aspetti. Ed è così che Kirk batte quella palla con tutta la rabbia e frustrazione di un anno passato ai margini dopo un inizio 2012 in cui sembrava lanciarsi.

Walkoff HR di Nieuwenhuis and the Mets win!

Categories: Hefner, Nieuwenhuis, Regular Season 2013 Tags:

Giorno di riposo

March 5th, 2013 No comments

ny_e_santana_576

Arriva il primo dayoff da quando sono iniziate le partite di Spring Training e possiamo approfittarne per vedere come vanno le cose in casa Mets.

Tralasciando i risultati che in questo periodo contano meno di zero è ovvio che l’attenzione si sposta sulle criticità. Abbiamo detto nel post precedente della partenza di Wright per rappresentare gli USA al World Baseball Classic. Una perdita importante anche solo per questo mese di marzo data la grande influenza che ha ormai David all’interno della clubhouse.

C’erano da verificare alcune situazioni e da confermarne altre. Dobbiamo purtroppo registrare l’infortunio di Nieuwenhuis per il quale solo oggi si è capito che non ha interessato i legamenti del ginocchio ma ancora non è possibile capire quando potrà tornare in campo. Brutta tegola che non ci voleva in particolare perché il ragazzo aveva bisogno di rodaggio per provare a giocarsi le sue carte.

Sembra essere invece una telenovela quella di Santana. I Mets rallentano e fanno sapere che non lancerà fino a metà marzo mettendo persino in dubbio la sua disponibilità per l’Opening Day. Lui però scalpita e decide di programmare alcune bullpen session per dimostrare di essere sulla strada giusta. In questa situazione però subentra anche un fatto personale tra giocatore e front office dopo che era stato negato a Santana il permesso di giocare il WBC. Johan preme per dimostrare che fisicamente è a posto ma con la fretta non si ottengono mai buoni risultati.

Wheeler dopo la prima ottima uscita ha avuto un dolore al braccio ed è stato subito tolto dalla rotazione di quella giornata. Messo a riposo nessuno pensa che sia nulla di particolarmente grave ma con un braccio così importante la cautele è d’obbligo. In programma per lui una bullpen session giovedì. Da lì si vedrà come procedere con il programma.

Per quel che riguarda i position player da segnalare il buon momento di forma di Byrd che ha capito la situazione ed in virtù anche dell’infortunio patito da Nieuwenhuis, preme sull’acceleratore.

Buone le prestazioni di Travis d’Arnaud sia con la mazza che dietro il piatto tanto da spingere Collins a complimentarsi con lui per come ha gestito i lanci dei pitchers che si sono alternati sul monte. Il ragazzo ha stoffa e si vede.

New York Mets @ Arizona Diamondbacks 5-1

July 30th, 2012 No comments

Arriva finalmente una prestazione convincente sia sul monte che nel box di battuta. I Mets pareggiano la seria da 4 contro Arizona grazie ad una caparbia partita del suo pitcher migliore: R.A. Dickey.

Il nostro knukckleballer rispolvera i fasti della prima parte di stagione e gestisce al meglio il lineup avversario. Ottimi i sui 7 IP con sole 4 H concesse e ben 8 SO. 1 sola ER e 3 BB completano una linea di tutto rispetto che ha accompagnato i compagni verso una vittoria che ridà morale e serenità all’ambiente. Dickey si prende sulle spalle la squadra soprattutto nel secondo inning quando incontra forse l’unico momento di difficoltà vera di tutta la sua prestazione. A basi cariche e 2 out ottiene induce un pop altissimo a Saunders che chiude un inning che avrebbe potuto cambiare le sorti della partita.

Per il resto ieri sera la knukcle girava che era un piacere e la fastball entrava come un coltello nel burro in zona di strike senza che i battitori potessero fare molto. E per la seconda sera consecutiva il bullpen non fa danni e con Rauch e un ottimo Parnell controllano la partita e mettono al sicuro la 14° W dell’annata di Dickey.

Anche l’attacco risponde presente all’appello del monte. 10 valide battute e 5 punti segnati. Nessun HR battuto ma Murphy, Hairston e Torres con due battute ciascuno. Davis a secco che va 0-5 dopo l’abbuffata di HR dell’altra sera.

Paradossale la situazione di Bay. Ieri 0-3 con 1 BB conquistata, media battuta che scende sotto .160 e OBP a .238. Collins contiua a dargli AB ma da questa sera sarà di nuovo disponibile Baxter che rientra dalla DL ( con conseguente discesa di Nieuwenhuis in AAA).

Dall’Arizona alla California destinazione San Francisco per un’altra serie da 4 partite. Si parte questa notte alle 4.15 italiane, Hefner vs Bumgarner.

Most Valuable David: i Mets portano a casa una difficile serie contro i Phillies

July 6th, 2012 No comments

Bella vittoria dei Mets nella serie casalinga contro i rivali di Philadelphia, ultima serie, oltre a quella coi Cubs, prima del meritato riposo dovuto alla pausa per l’All Star Game. Una serie a tre volti, si potrebbe dire. Tre partite, ognuna diversa, coi Mets in grado di vincerne due (la prima e la terza) trascinati da un Wright in grandissima forma. Ma andiamo con ordine.

Gara 1

La prima sfida vedeva impegnati sulla collina Worley e Niese. Gara praticamente senza storia: dopo essere andati in vantaggio con Wright nel primo ed essere stati ripresi subito dopo da un fuoricampo di Ruiz, i Mets hanno preso definitivamente il largo già nella parte bassa del secondo. Alla fine saranno 15 valide col solo Ike Davis a non battere fra i titolari. Anche Niese ha contribuito, con 2 RBI che sono stati proprio i punti del definitivo vantaggio. Wright ha poi messo la ciliegina sulla torta nel sesto inning con un 3-run shot che ha chiuso definitivamente i giochi. Nel finale gloria anche per Rauch che lancia un nono inning perfetto per portare a casa la W.

Gara 2

Il baseball, lo sappiamo, è uno sport dove tutto puo’ accadere. E’ quindi normale che, il giorno dopo aver perso 11-1, i Phillies siano riusciti a stendere i Mets col punteggio di 9-2. C’è grande rammarico perché, fino alla parte alta del settimo, i nostri erano avanti. Certo, non comodamente avanti, ma comunque la situazione sembrava sotto controllo. Purtroppo, però, i nostri eroi hanno concesso 3 punti nel settimo, ottavo e nono inning subendo così la prepotente rimonta dei biancorossi. A dare il via alla pioggia di valide è stato Chris Young, ottimo fino a quel momento, che ha concesso due fuoricampo back-to-back ad Utley e al caldissimo Ruiz (che stagione!). Collins ha provato a correre ai ripari, ma il bullpen si è rivelato poco efficace, concedendo 6 punti e 6 valide negli ultimi due inning della partita. Unica nota positiva per i nostri il solo shot di Hairston che aveva dato l’illusorio vantaggio ad inizio partita.

Gara 3

Arriviamo così al rubber game di stanotte, con la sfida sul monte fra Cole Hamels e R.A. Dickey, due dei migliori pitcher della National League….anche se probabilmente hanno mandato sul monte i rispettivi fratelli un po’ meno bravi. Dickey viene preso a pallonate dai Phillies, che totalizzano su di lui 11 valide ottenendo 5 punti, anche se R.A. è riuscito, anche in questa partenza difficile, a mantenere il suo ottimo rapporto fra K e BB, con 7 punchout e solo un walk. Per quanto riguarda Hamels, sono 7 le valide concesse e 4 i punti subiti, anche lui con 7 K e 1 BB. Entrambi i pitcher hanno lanciato 7 inning, lasciando poi la palla al bullpen. E’ stata una partita emozionante. I Phillies sono andati avanti nel primo con un RBI single di Victorino e hanno ritoccato il punteggio con un RBI double di Rollins. Neanche il tempo di festeggiare che mezzo inning dopo Hairston la butta fuori (di nuovo!) per il suo dodicesimo fuoricampo stagionale, che regala ai Mets il 2-2. Nella parte bassa del terzo è poi Wright a battere a casa Dickey per il momentaneo 3-2. Mezzo inning dopo è il turno di Pence nel pareggiare la partita, con un singolo che batte a casa Fontenot. Nella parte bassa del quinto arriva il solo shot di Wright (4-3) subito pareggiato, nel sesto, dall’RBI triple di Rollins e superato dal successivo squeeze di Pierre che è valso il 5-4 ai rivali. Con queste premesse si è arrivati dunque al nono, con Papelbon pronto a chiudere. Ma i Mets hanno messo su uno show offensivo, con ingrediente principale una pazienza clamorosa che ha permesso ai nostri di superare anche l’ostacolo posto da Collins, che ha buttato via un out con un bunt senza senso. Ma andiamo con ordine. Ike ottiene un doppio, viene rimpiazzato da Cedeno e sacrificato in terza da Thole. Poi è arrivato il K di Nieuwenhuis. Con 2 out, quindi, e corridore in terza, Valdespin è stato colpito da Papelbon. Immediatamente Valdespin ha rubato la seconda ed è stato raggiunto in base da Tejada con un walk. Con basi cariche e due out, il nostro Murph ha battuto una grounder addosso a Paps. La pallina è finita in foul territory permettendo a Cedeno di arrivare salvo a casa. Per finire, come in un film, ci ha pensato Wright, con un bloop single verso l’esterno destro, a chiudere i giochi e regalare la vittoria ai Mets.

Il futuro

Stasera inizia la serie contro i Cubs, l’ultima prima della pausa. Importante finire alla grande. Sul monte Santana (6-4) contro Wood (3-3).

New York Yankees @ New York Mets 6-5

June 25th, 2012 No comments

Gli Yankees chiudono la serie con una vittoria si aggiudicano le Subway Series del 2012 per 5 a 1.

Doveva essere una guerra tra pitchers dominanti ma in realtà questa volta i lineup hanno avuto la meglio. Dickey alla ricerca del record di inning senza subire punti e Sabathia che andava per la decima W stagionale. Nei primi due inning nonostante qualche sbavatura entrambi i partenti tengono a bada i battitori. Anche se per i Mets succede qualcosa che probabilmente influenzerà il resto della partita di Dickey.  Turner recupera una rimbalzante di Teixeira che viaggia verso la prima base. Dickey arriva per la copertura ma la palla tirata da Justin non viene ricevuta al meglio dal nostro pitcher che la fa scivolare dal guanto. Tex è salvo. Dickey da segni di nervosismo. Subito dopo concede una BB a Swisher e un singolo a Ibanez e riempie le basi. Fortunatamente ritrova quel minimo di controllo che gli permette di chiudere l’inning senza troppi danni. Ma non è più il solito e nel terzo gli Yankees approfittano di questo appannamento: sacfly per Tex e Granderson va a casa per l’1-0 Yankees. Swisher al piatto con Rodriguez e Cano sulle basi. L’esterno destro batte una palla profondissima che va oltre le recinzioni: 4-0 Yankees e partita decisamente in salita.

I Mets provano a ritrovarsi anche perché Sabathia non è intoccabile oggi. Nel quarto Torres si prende la BB e mentre ruba la seconda il tiro Cano non trattiene il tiro di Stewart e permette a Torres di arrivare fino in terza. Sacfly di Tejada, al rientro dopo 1 mese e mezzo in DL, e punto del 4-1. I Mets sono vivi. Ma sono ancora i nostri avversari ad allungare con Granderson che sfrutta una grounder di Teixeira per siglare il punto del 5-1.

Dickey non ci sta e prova a dare il suo contributo anche  in attacco. Singolo per lui e singolo per Tejada. 2 on and 2 outs con Wright al piatto. Singolo profondo a sinistra per David con Dickey che vola verso casa base mentre la palla sta arrivando. Stewart non la riceve e R. A. in scivolata segna il punto del 5-2 provando a dare una scossa ai suoi.

Ma è nel sesto che la partita si riapre. Il singolo di Torres porta a casa Turner e Thole con Rottino in terza. Altro singolo di Tejada e Rottino a casa per il punto del pareggio. Il City Field è una bolgia. Basi cariche e Collins decide di buttare nella mischia il mancino Nieuwenhuis contro il destro Wade per completare la rimonta. Purtroppo però Kirk va K e si chiude un inning importante ma che lascia un senso di incompletezza.

Batista per Dickey lancia un ottimo settimo inning ma nell’ottavo sbaglia un lancio e Cano lo punisce portando gli Yankees in vantaggio 6-5.

I Mets hanno ancora un’occasione con Torres che arriva di nuovo fino in terza ma questa volta Tejada non riesce a portarlo a casa.

Nel nono Soriano senza troppe difficoltà conquista la sua quindicesima salvezza.

Si interrompe quindi dopo 44.2 IP la striscia di Dickey di inning in cui non ha concesso punti. Concede il primo dal 22 maggio nel terzo inning  sul sacrificio di Teixeira e da quel momento perde parte del controllo che era stato fondamentale in questi mesi. Solo 3 SO contro un lineup che ha segnato la metà dei suoi punti tramite HR.

Buono il rientro di Tejada che batte due singoli e due Rbi come Torres. Alla fine saranno 12 valide contro 7 battute dagli Yankees. Sul 5-5 il loro bullpen ha tenuto il nostro con Batista ha sbagliato un lancio.

Francisco va in DL per 15 giorni.

Da questa sera parte la serie di 3 partite contro i Chicago Cubs: Santana vs Wood per iniziare, ore 2.05 italiane.

New York Yankees @ New York Mets 4-3

June 24th, 2012 No comments

Gli Yankees si aggiudicano gara 2 delle Subway Series sfruttando qualche piccola indecisione del nostro staff e l’incapacità dei nostri di concretizzare delle buone opportunità che potevano rimettere la partita sui binari giusti.

Tocca a Young affrontare Nova che forte delle sue 9 W si presentava per i “cugini” sul monte. Ed infatti i primi due inning sono un assolo dei due pitchers che controllano senza problemi i lineup avversari.

Nel terzo la partita si scalda. Nieuwenhuis vede una bella palla esterna e la gira come ormai ci ha abituato. Palla che viaggia in campo opposto e atterra sulle tribune: 1-0 Mets. Da sottolineare come questo HR, il settimo stagionale per Kirk, sarà anche l’unica nota positiva della serata del giovane CF che riuscirà nell’impresa di andare K nei restanti tre turni di battuta.

Young sul monte sembra davvero a suo agio e per 6 inning concede solo le briciole agli avversari. Il nostro attacco prova a costruire la vittoria e nel quarto inning Hairston, arrivato in base grazie ad un errore di Rodriguez, su una rimbalzante di Thole segna il punto del 2-0.

Nel sesto Nova si complica la vita. Dopo il doppio di Murphy, Quintanilla batte una rimbalzante che porta Daniel in terza. Girardi fa camminare Thole per avere al piatto Young ma il nostro pitcher non perdona e con un singolo al centro spinge a casa Murphy per il punto del 3-0.

Ritorna sul monte Young e qui la partita prende la svolta. Chris probabilmente aveva dato tutto nei 6 IP precedenti. Ed infatti parte con una BB a Teixeira. Anche Swisher  lo colpisce duro, palla profonda in RF dove Duda prova a tuffarsi senza avere alcuna speranza di prendere la palla al volo ed in più la fa passare sotto il suo corpo per andare lenta verso il muro. Nieuwenhuis è lontano e permette ai due corridori degli Yankees di arrivare in terza e in seconda. Gli occhi di tutti si rivolgono al dogout dove Collins sta valutando la situazione. Decide di lasciare ancora Young contro Ibanez. E questa decisione costa la partita. Ibanez spara la palla oltre le recinzioni e pareggia la partita facendo perdere a Young la W. Solo a questo punto Collins decide di farlo scendere e far salire Rauch il quale però concede a Chaves, entrato da PH, l’HR che da il vantaggio Yankees: 4-3, partita ribaltata.

Nei restanti 3 inning il bullpen degli Yankees lavora perfettamente contro i nostri battitori fino ad arrivare alla salvezza che Soriano prende senza troppi patemi.

Gli Yankees pareggiano quindi la serie grazie ad un quarto inning in cui riescono ad approfittare di tutte le situazioni favorevoli. Young fa una grande partenza e per 6 IP zittisce uno dei lineup più pericolosi della AL. Un battitore di troppo lo condanna in modo forse eccessivo. In generale l’attacco produce e sfruttiamo anche i due errori di Rodriguez e Jeter. L’errore di Duda, non riportato dallo scorer, risulta alla fine meno decisivo di come poteva apparire perché comunque quella palla non l’avrebbe mai presa e i corridori sulle basi sarebbero stati comunque 2 sull’HR di Ibanez.

Questa sera super matchup sul monte tra C.C. Sabathia e R.A Dickey in diretta nazionale, ore 2.00 italiane.

Categories: Duda, Nieuwenhuis, Regular Season 2012, Thole Tags:

New York Mets 9 Tampa Bay Rays 6

June 16th, 2012 No comments

I Mets spazzano via i Tampa Bay Rays, con la terza vittoria in altrettante partite nella serie. Uno sweep insperato visti i disastri della serie contro gli Yankees. Dopo la brillante prova di R.A. Dickey (a proposito, la MLB ha confermato la decisione dello scorer sulla valida di Upton, quindi niente no-hitter), sul monte del Tropicana Field Johan Santana è stato autore di una prestazione così così, ma comunque in grado di  garantirgli la quarta W stagionale. Per lui 5 inning con 6 valide, 4 punti subiti, 4 basi su ball e 6 strikeout.

Per quanto riguarda l’attacco, da sottolineare la grande prova di Nieuwenhuis, autore di ben due fuoricampo (primo multi-hr game per lui in MLB) fra cui un leadoff shot per aprire la partita. Bene anche Wright (3/4 con una base su ball) e Bay, che finalmente batte un fuoricampo, il quarto stagionale.

Il futuro

Stasera i Mets iniziano una serie contro i Reds. Sul monte di lancio Gee (4-4) vs Arroyo (2-4)

New York Mets 3 Washington Nationals 5

June 7th, 2012 No comments

Se non conoscessimo la classifica della NL East e ci venissero a raccontare che queste due squadre stanno lottando per il primo posto….beh, non sarebbe facile crederci. La partita, che vede sul monte sfidarsi Jeremy Hefner e Edwin Jackson, parte male per i nostri. Nella bassa del primo, un errore di Murph e una base su ball concessa da Hefner apparecchiano il tavolo per LaRoche, il quale non si fa pregare e la manda fuori portando subito i suoi sul 3-0. I nostri non si perdono d’animo e nella parte alta del terzo mettono sul tabellone il primo punto della serata: un singolo di Nieuwenhuis manda infatti a casa Quintanilla che stazionava in seconda.

I nostri rosicchiano un ulteriore punto nella parte alta del quarto. Wright, in terza dopo un pickoff sbagliato da parte di Jackson verso la prima base (!), corre a casa su una debole grounder di Duda: è 3-2. Un walk di Ike però non viene capitalizzato dai compagni, e l’inning offensivo si chiude così.

Nella parte bassa del quinto, però, i Nats aumentano di nuovo il distacco. Morse manda a casa Zimmerman con una linea che Ike non riesce a bloccare, e per il terza base di Washington è un gioco da ragazzi segnare dalla seconda. Un altro groundout, questa volta di Quintanilla nella parte alta del settimo, permette ad Ike di segnare il punto del 4-2, dopo un bel doppio sul muro del numero 29 (che però continua ad essere in uno slump clamoroso).

Ogni tentativo di rimonta viene però reso vano mezzo inning dopo, quando LaRoche colleziona un altro RBI con una volata di sacrificio che manda a casa Lombardozzi. Nel nono, infine, sale sul monte la nostra nemesi Clippard, che si prende la salvezza e consegna ai Nats partita e serie. E’ la sua quinta salvezza stagionale. La vittoria va a Jackson (2-3) mentre Hefner (1-3) si prende la L.

Il futuro

Stasera la terza partita della serie. Sul monte R.A. Dickey (8-1) e Chien-Ming Wang (1-1). I Mets cercano la vittoria e soprattutto uno slancio positivo verso le Subway Series che si terranno nel Bronx nel fine settimana.