Archive

Archive for the ‘No-Hitter’ Category

No-Hitter di Santana: cosa hanno detto

June 2nd, 2012 No comments

Ecco un rapido resoconto di come le maggiori testate giornalistiche hanno celebrato l’impresa di Santana.

Il sito ufficiale della MLB pubblica il classico riquadro con la data e il nome dell’impresa:

Riquadro che viene poi ripreso da molti anche perché perfetto come “pietra di ricordo” di ciò che è stato fatto.

ESPN pone l’attenzione sul “fatto storico”. Primo No Hitter in 50 anni di Mets:

 

Il New York Times con quel “Finally” esprime tutta la repressione per 50 anni di tentativi mai riusciti ma anche quella riferita a coloro che una volta cambiata maglia ci sono riusciti:

 

Il New York Post esce con un titolo semplice ma che racchiude tutto:

 

Una piccola carrellata di tre prime pagine cartacee. Di nuovo il New York Post, NewsDay e Daily News:

 

Anche in Venezuela hanno festeggiato il loro campione, vediamo come partendo da ” Meridiano” che fa un titolo decisamente comprensibile e un riferimento al fatto che Santana sia stato il quarto venezuelano a lanciare un No-Hitter:

 

Lider” pone l’accento sul come Johan possa essere arrivato all’impresa:

 

Il Venezuela si unisce intorno al titolo de “El Universal“:

No-Hitter!

June 2nd, 2012 1 comment

 

E’ successo veramente. Dopo 50 anni e 8020 partite, i Mets hanno la loro no-hitter. In una serata dove nulla è stato normale, Johan Santana ha scritto la storia del nostro sport con 134 lanci.

E’ davvero difficile descrivere le sensazioni di una notte così importante nella storia della nostra squadra. E’ sicuramente servito tanto coraggio. Da parte di Terry Collins, che ha lasciato Johan dentro per un numero esorbitante di lanci. Da parte di Mike Baxter, che ha salvato Johan sacrificando la spalla sinistra. Da parte di tutti i difensori: non oso immaginare cosa possa significare avere sulla coscienza una pallina giudicata male che cade a terra rompendo la no-hitter.

Onestamente (e qui mi scuso se inserisco una nota personale) non pensavo che avrei mai avuto la possibilità di scrivere questo articolo. Il record di one-hitter, beffardo, sembrava proprio volerci dire “non ce la farete mai”. E invece Johan ce l’ha fatta.

L’esplosione collettiva della Mets Nation è stata qualcosa di unico. A partire dalle “voci” che hanno raccontato l’impresa. Gary Cohen è stato da brividi. Keith Hernandez non è riuscito a contenersi dopo l’ultimo out, urlando di liberazione come milioni e milioni di tifosi nello stesso momento. Anche Howie Rose, il radiocronista, non è stato da meno, improvvisando anche una diretta con i radioscoltatori che hanno chiamato in massa nel dopo-partita. Twitter è esploso, i blog sono esplosi. Tutti insieme, a New York come a Roma, a celebrare Johan e i Mets.

Per tutti è stata una liberazione immensa. Un fardello tolto dalle nostre spalle in 134 lanci da uno dei migliori lanciatori nella storia. Nell’anno più improbabile, nel quale ritorna in azione dopo un lunghissimo stop con tante domande e poche certezze.

Veramente, le parole ormai sono inutili e soprattutto iniziano a scarseggiare.

Ne resta una sola

Grazie