Archive

Archive for the ‘Regular Season 2009’ Category

Anteprima Stagione 2011 – Outfield

February 9th, 2011 No comments

Secondo appuntamento con l’anteprima della stagione 2011. Oggi parliamo del reparto degli esterni. Data la minor differenza fra le varie posizioni di questa zona del campo, a differenza dell’infield, il discorso sarà organico e non diviso ruolo per ruolo. Anche perché ci sono due giocatori che potrebbero scambiarsi di ruolo rispetto al 2010. Buona lettura.

Nelle ultime stagioni, il reparto degli esterni è stato vittima di numerosi infortuni. I tre titolari (Bay, Pagan e Beltran) hanno avuto a che fare, in tempi e modi diversi, con diversi problemi fisici. Pagan, tornato ai Mets nel 2008, ha subito un brutto infortunio il 7 Maggio di quell’anno a Los Angeles, cadendo male dopo una spettacolare presa al Dodger Stadium. Questo infortunio lo tenne fuori per tutta la stagione. Nel 2009 ha invece perso circa un mese di gioco per un problema all’inguine. Per quanto riguarda Carlos Beltran, ormai tutti conosciamo la triste vicenda del suo infortunio. Dopo aver accusato i primi sintomi di un problema al ginocchio sul finire del 2009, nel Gennaio 2010 decise di operarsi. I Mets si infuriarono perché l’operazione avvenne, secondo loro, senza il consenso della squadra, mentre Beltran disse di aver ricevuto l’ok proprio dalla società stessa. Inoltre, iniziò una lunga pantomima sulla data del suo rientro, che venne progressivamente spostata da Aprile a Maggio, Giugno e infine Luglio, per un fantastico disastro che ha messo in ridicolo i Mets davanti a tutta l’America. Jason Bay, invece, ha perso metà della stagione 2010 a causa di una collisione violenta contro il muro del Dodger Stadium (evidentemente questo ballpark ha un conto in sospeso con i nostri esterni, non c’è dubbio), ponendo prematuramente fine alla peggiore stagione della sua carriera. Come si intuisce, insomma, i  tre alfieri dell’outfield Newyorchese entrano in questo 2011 con numerosi punti interrogativi sul loro stato fisico. Se tutto dovesse andare come previsto, sarà Jason Bay a pattugliare l’esterno sinistro. Come detto qualche riga sopra, Bay ha deluso nettamente le aspettative. Arrivato a New York dopo aver firmato un contratto enorme e con alle spalle stagioni ad alto livello in quel di Boston, Bay ha fatto segnare una OPS+ di 105, nettamente inferiore ai valori di 134 e 133 fatti registrare nel 2009 e nel 2008. Un pessimo numero di fuoricampo (6, di cui 4 battuti in 2 partite) e l’infortunio che ne ha prematuramente interrotto la stagione hanno fatto scuotere la testa ai numerosi tifosi che si aspettavano grandi cose da lui. Ce la farà Bay a tornare ai livelli degli scorsi anni? E come si riprenderà dalla collisione col muro? Non ci resta che aspettare. Anche perché Bay ha una no-trade clause totale, perciò volenti o nolenti, i Mets dovranno tenerlo. Per quanto riguarda Carlos Beltran, questa sarà una stagione importantissima. E’ infatti il suo ultimo anno di contratto, e negli ultimi due non ha giocato come avrebbe dovuto, oltre agli infortuni di cui abbiamo parlato sopra. Il problema al ginocchio lo costringe a giocare indossando un tutore, che limita in parte la sua agilità e la sua rapidità. Per questo, è possibile ipotizzare un suo spostamento in esterno destro per il 2011. Non è ancora una decisione sicura, anzi, le possibilità che rimanga in esterno centro sono ancora buone, ma è difficile “sprecare” un ottimo difensore come Pagan in esterno destro. Il fatto di essere nell’ultimo anno di contratto potrebbe motivare Beltran a mettersi in mostra per ottenere un buon contratto nella prossima offseason, e quindi permettere ai Mets di beneficiare di un’ultima stagione ad alti livelli da parte sua. Angel Pagan ha giocato, nel 2010, la sua prima stagione senza avere problemi fisici o quasi, se si escludono due piccoli fastidi che gli hanno fatto perdere 5 o 6 partite. Non sarà una stella, ma fa molto bene il suo dovere, difendendo ottimamente (settimo esterno per UZR nelle Major League, quarto nella National League). E’ incredibile che all’inizio della scorsa stagione Gary Matthews Jr gli fosse davanti nelle gerarchie di squadra. Dopo aver delineato le 3 posizioni principali, non bisogna tralasciare il ruolo non meno importante del quarto esterno, anche perché sarà il giocatore in questo ruolo a prendere il posto di uno dei tre titolari in caso di infortunio. I candidati per il ruolo sono due: il Met killer Willie Harris, famoso per le sue prese spettacolari nelle quali si dilettava nelle partite contro New York, e Scott Haiston, proveniente da San Diego. Sono due giocatori che recentemente hanno fatto segnare numeri molto simili, quindi sarà una dura lotta per il posto, che probabilmente verrà decisa durante lo Spring Training ormai alle porte.

che stagione è stata? vol. 1

October 8th, 2009 No comments

il sentimento di tutti i tifosi Mets riassunto in 4 paroleStagione 2009 alle spalle. Termina una delle annate peggiori dal 2003 e termina anche un’agonia che da fine luglio accompagnava le nostre notti insonni.

Chiudiamo al quarto posto di una division vinta per il terzo anno consecutivo dai Phillies, quest’anno però quasi senza nessuna contendente se non i Braves di fine settembre.

Che cosa ci lascia questo 2009 ma soprattutto quali sono le prospettive per il 2010? Proveremo , in due parti, a dare delle risposte.

Il 2009 si apriva con grandissime speranze. A gennaio, subito dopo i Winter Meetings, veniva annunciata la firma di Francisco Rodriguez, super closer free agent proveniente dagli Angels. Si copriva la falla lasciata dal grave infortunio di Billy Wagner. Si è pensato a ricostruire laddove l’anno precedente si erano viste le maggiori lacune, sul bullpen. Quello stesso bullpen che nel 2008 ci aveva complicato se non bloccato la strada verso i PO. Eppure quella squadra era arrivata a 3 sole partite da Philadelphia e ad una sola dai Brewers, vincitori della corsa alla wild card.

Era stato il bullpen, con le sue 29 BS, ad impedire l’approdo in post season. Almeno così sembrava. Ed ecco quindi l’arrivo anche di JJ Putz, closer di Seattle, che si accasa da noi per blindare anche l’ottavo inning e spianare la strada a K-Rod. Per il resto mosse marginali, alla fine il lineup rimane intatto, tutti con un anno in più.

Ed all’inizio le cose sembrano mettersi per il verso gusto. Si fanno pochi punti ma il nostro bullpen sembra essere rinato e blinda le partite. K-Rod ci tiene a galla con le sue salvezze e gli altri sembrano trarne un gran beneficio.

Arriviamo però al punto dolente, in tutti i sensi: gli infortuni. Su questo argomento però non ho intenzione di speculare.

Delgado, Reyes, Beltran, Putz, Santana, Wright, Maine, Niese, Cora, Pagan e Sheffield potrebbero rappresentare l’ossatura di qualsiasi squadra media in MLB. Noi abbiamo dovuto rinunciare a loro per gran parte della stagione se non, come per Josè e Carlos, per tutta. In una division equlibrata, secondo me verso il basso, come poteva essere la NL East una situazione come questa non c’è alcun dubbio che la si paghi.

Ma la mia domanda è un’altra. Siamo sicuri che, con tutti disponibili, con il senno di poi la squadra fosse attrezzata per competere?

Io non ne sarei così certo. Come i più attenti avranno potuto notare nella lista degli infortunati ho volutamente tralasciato Perez. Perchè credo che l’assenza di Oliver non abbia minimamente influito sulle prestazioni della squadra ma soprattutto mi infastidisce che la si sia presa come una “scusa” plausibilie da parte della dirigenza per giustificare il fallimento della stagione.

Ebbene, noi avremmo affrontato le nostre avversarie con una rotazione che vede come numero uno Santana. Il numero due doveva essere Pelfrey, che ben aveva fatto nella parte finale del 2008. Mike invece buca totalmente la stagione e veleggia su oltre 5 di ERA. Al numero 3 il nostro buon Omar vedeva Perez, uno dei fiori all’occhiello della sua offseason. Molto bene. Oliver chiude con 6.82 di ERA e ben 66 IP… e 12 milioni di dollari in tasca. Ma andiamo avanti. Maine, 81.1 IP con 4.43 di ERA, praticamente ha giocato menomato il primo mese di RS e in riabilitazione l’ultimo mese di RS. Aggiungiamoci anche Redding che ad inizio anno aveva vinto il ballottaggio per il quinto spot con Niese e Garcia, e vediamo che anche lui va sopra i 5 di ERA anche se ha lanciato di più degli altri nonostante un periodo passato nel bullpen.

Facendo due calcoli la rotazione iniziale, quella che ci avrebbe dovuto portare ai PO, chiude il 2009 con una media ERA di 4.90. Il solo Santana, pur non nella sua stagione migliore, supera di poco i 3 di media.

Tutto ciò dove ci porta? Ci porta a dire che molto probabilmente le valutazioni fatte in fase di offseason sulla rotazione non sono state abbastanza accurate. Se su Maine è possibile dare a Minaya il beneficio del dubbio, rimane ancora un mistero come abbia potuto credere che Perez potesse (e possa) essere un elemento della rotazione di una contender. Come ha potuto pensare che Pelfrey potesse sostenere il peso di una stagione intera dopo averne giocata decentemente solo mezza in due anni?

Insomma, forse saremmo rimasti in corsa per più tempo senza tutti gli infortuni che hanno bersagliato la squadra ma quel che è certo è che ci sono stati errori strutturali alla base che vanno oltre la sfortuna avuta. E di questo sarà bene tenerne conto per i prossimi anni, purtroppo sempre nelle mani di Minaya.

La prossima volta proveremo a vedere dove sarebbe necessario intervenire per provare ad evitare un’altra stagione come quella appena passata.

Categories: Regular Season 2009 Tags:

end of season

October 4th, 2009 No comments

figueroaEd eccoci finalmente di nuovo qui per commentare questi ultimi giorni di RS. Purtroppo per vari impegni sopravvenuti non sono riuscito a scrivere molto ma i Mets non li ho abbandonati, anzi, li ho seguiti con particolare interesse per vedere quale fosse la strada intrapresa dalla dirigenza in questi due mesi di stagione in cui c’era da pensare a non raggiungere le 100 L e alla stagione 2010.

Siamo all’ultima serie stagionale contro gli Houston Astros, anche loro fuori dai giochi. Per il momento siamo in vantaggio 2-0. grazie a due buone partenze di Maine e Misch. Discreto il nostro lineup con le verifiche per il 2010 in particolare di Thole che continua a trovare molto spazio.

Attendiamo quindi l’ultima partita di questa travagliata stagione, per analizzare l’ultima serie e per iniziare a trarre le conclusione di un 2009 difficile sotto molti punti di vista. Ultimo partente, Figueroa.

Categories: Regular Season 2009 Tags:

thole, wright e il casco

September 2nd, 2009 2 comments

Inizia settembre. Ultimo mese di regular season. Roster allargati a 40thole uomini per dare la possibilità a chi lotta per i PO di avere scelte maggiori e per chi non lotta più per nulla di provare e testare giovani promettenti dalla minors.

Per noi, l’unico degno di nota che è stato chiamato dalle Minors è Josh Thole. Catcher che fino alla sua promozione in prima squadra stava battendo in AA .328, terza media più alta dela Estern League.

Manuel ha dichiarato che Thole avrà certamente il suo spazio, che lo vedremo giocare e che si giocherà le sue possibilità.

Josh Thole ha 22 anni. Gli scout lo vedono decisamente pronto con la mazza ma con ancora ampi margini di miglioramento per quel che riguarda un ruolo delicato come quello del ricevitore. Certo è che la situazione dietro al piatto dei Mets non è rosea. Solo Santos si salva ma non si sa neanche fino a che punto questa possa essere stata una stagione fortunata oppure no. Schneider batte .187 e qui mi fermo per pudore.

Staremo a vedere quante possibilità di mettersi in mostra verranno date a questo ragazzo.

wright con il suo nuovo caschettoIntanto riattiviamo David Wright dalla DL. Buon rientro per lui che va 1-3  e sfodara il prototipo del nuovo caschetto che è stato studiato per resistere con più efficacia all’urto con le palle. Alla vista nettamente più grosso è ingombrante dell’altro. Sicuramente esteticamente brutto a vedersi ma come già detto in un altro post questo aspetto è sicuramente irrilevante. La funzionalità è tutta da testare perchè, se è vero che deve proteggere, è altrettanto vero che non può impacciare i movimenti e la visuale del giocatore. Nel box di battuta Wright non è sembrato risentire di alcun impedimento dovuto al casco nuovo ma, per esempio, durante una rubata, il caschetto è saltato appena David ha iniziato la scivolata per arrivare in base. Anche nelle inquadrature in primo piano il casco non sembrava calzare perfettamente sulla testa del corridore.

Ovviamente le mie sono solo considerazioni di uno spettatore “televisivo”, aspettando le dichiarazioni di chi realmente lo ha indossato.

Ultima notizia di oggi. Santana e Perez sono stati operati. Entrambi saranno pronti per lo ST della stagione 2010.

Categories: Regular Season 2009 Tags:

putz e perez: season over

August 27th, 2009 No comments

A questo punto inizia a diventare francamente fastidisa questa situazione. Ora anche JJ Putz e Oliver Perez sono fuori per il resto della stagione.

Ormai ogni giorno ci si alza e si cerca chi dei Mets è finito in DL. Le scommesse sono aperte. Conviene riderci sopra perchè ormai non si sa più che cosa pensare. In tre giorni 3 pitchers terminano finiscono con 1 mese e mezzo di anticipo la loro stagione. L’altro giorno era toccato a Santana, ieri a loro.

putzCredo che qualcuno dovrebbe iniziare a dare delle spiegazioni. Forse Minaya? Forse Omar dovrebbe spiegare come mai ha firmato Perez con quel mega contratto forse sapendo che fisicamente non era completamente integro. Infatti Oliver dopo poche partenze è stato messo in DL. E’ ritornato, ha continuato a lanciare male ed ora scopriamo che esce di scena in anticipo. Putz era il fiore all’occhiello del bullpen dopo K-Rod. L’uomo dell’ottavo inning, colui che avrebbe blindato i punteggi positivi per poi lasciare a Rodriguez  il compito di portare a casa la salvezza. Ed invece, dopo un buon inizio, si rompe anche lui. Non è che per caso i Mariners sapevano, ci hanno provato e con Minaya ci sono riusciti?

Anche Manuel e il suo staff potrebbero darci qualche risposta? Per esempio il caso Reyes. Con quali certezze gli è stato dato il permesso di giocare così presto dopo il primo infortunio? Erano così certi che un infortunio che in seguito gli farà saltare tutta la stagione, poteva essere rientrato in 2 settimane? Incompetenza oppure fretta? Ed un’altra cosa, che forse è passata un po’ troppo sotto silenzio. Dopo il caso Wright, Manuel ha dichiarato che David e il povero Church, vittima nel 2008 anche lui di un forte trauma alla testa, non hanno la stessa caparbietà e la stessa voglia di rientrare da un infortunio così particolare. Ebbene, nel 2008 si è verificata una circostanza simile con Ryan. Anche lui è stato fatto rientrare in anticipo, forse troppo in anticipo. Per poi essere piazzato in DL per due mesi.

Ecco, non vorrei che questa fosse una prerogativa del nostro staff, quella di non essere in grado di valutare al meglio le entità degli infortuni e, forse, esagerare nel far rientrare giocatori importanti per paura di predere le partite.

E’ notizia di qualche giorno fa che Omar Minaya è stato formalmente confermato come GM dei Mets anche per il 2010. Se torna lui tornerà di certo anche Manuel con tutto il suo staff. Dovremo vederli con la nostra maglia ancora per un anno.

A questo punto la nostra rotazione, per quanta importanza possa avere, è questa:

  1. Pelfrey
  2. Parnell
  3. Redding
  4. Figueroa
  5. Broadway
Categories: Regular Season 2009 Tags:

santana fuori per il resto della stagione!

August 25th, 2009 No comments

santana

E’ successo di tutto in questi ultimi giorni. Ci siamo ormai abituati in questa stagione, ma fa sempre un certo effetto quando tutto sembra crollare addosso alla tua squadra del cuore. Ovvimente non parlo di accadimenti di diamante, ormai quelli è chiaro, passano in secondo piano. Ma situazioni contingenti che unite determinano gli esiti di una stagione.

Ebbene, è notizia di questo pomeriggio che il nostro ace, colui che guida la nostra rotazione, colui che è considerato uno dei pitcher più forti di tutte le Majors, Johan Santana, ha terminato la sua stagione: dovrà operarsi al gomito. Dopo aver sostenuto gli ultimi esami i Mets e lo stesso giocatore sono giunti alla conclusione che, date le circostanze, la cosa migliore da fare sarebbe stata quella di fermarsi e dedicarsi al pieno recupero. Santana a dire il vero sarebbe stato intenzionato a continuare anche a settembre, ma considerando che ormai non ci sono più risultati da ottenere sarebbe sembrato alquanto pretenzioso chidergli di continuare solo per poter raggiungere 1 o 2 W in più.

Santana termina così la sua seconda stagione con la maglia dei Mets con 3.13 di media ERA contro i 2.54 del 2008. Unaddio grande billy! dato eloquente se si pensa che le dichiarazioni post notizia dimostravano come il problema di Johan fosse ben conosciuto all’interno della società. Si è continuato a farlo lanciare nonostante tutto e gli è anche stato dato un pitch conut decisamente alto per uno che era a rischio infortunio.

Santana lascia una rotazione che diventa evidentemente imbarazzante per una squadra che ad inizio stagione doveva essere una contender. Colpa non certo sua ma situazione che dovrebbe far riflettere chi prende le decisioni di mercato ma soprattutto chi stipendia colui che prende queste decisioni.

Johan dovrebbe essere pronto per lo spring training del 2010. Sperando in una stagione più fortunata dal punto di vista degli infortuni gli auguriamo, per lui e per noi, una prontissima e piena guarigione. Forza Johan!!!

Accanto alla notizia di Santana troviamo anche quella di Jeff Francoeur. Anche lui a serio rischio di terminare in anticipo la stagione come ha già  fatto Cora. Si aprirebbe una voragine in OF dove per il momento il solo Pagan, che il suo giretto in DL lo ha già  fatto, sembra essere in grado dare il suo effettivo contributo.

Per ora non ci sono notizie ufficiali, anche se già  questa sera potrebbe tornare nel lineup.

Nel frattempo Billy Wagner ha trovato l’accordo con i Red Sox. Il bullpen si priva di una pedina che è stata importante nel corso di questi ultimi 3 anni ma che non aveva più senso tenere contro voglia. Billy voleva lottare per qualcosa di importante, lottare per il pennant e magari avere la possibilità  di giocare le WS. I Mets non si sono opposti. Wagner avrà  la sua possibilità .

In bocca al lupo Billy!

Categories: Regular Season 2009 Tags:

il viaggio a ovest

August 14th, 2009 No comments

wright

Il viaggio ad ovest termina, come prevedibile con un record negativo: 5 sconfitte e sole 2 vittorie.

Come sempre è difficile trarre conclusioni positive dopo che la squadra esprime un baseball mediocre e sembra remare solo per far terminare al più presto la stagione.

Sicuramente c’è da segnalare la prima partenza in Major di Bobby Parnell. Fino ad ora utilizzato con buoni risultati nel bullpen, aveva preso il posto di JJ Putz lanciando l’ottavo inning per preparare la strada a K-Rod. Con il murphy in scivolatapassare delle gare e con l’allontanarsi degli obiettivi, anche la forma di Parnell si era appannata fino a renderlo sempre più insicuro sul monte. Le ultime prestazioni hanno dimostrato che il ragazzo sembra tornato quello di inizio stagione e la sorte, per vari motivi, gli concede l’opporunità di partire per la prima volta in MLB. Non andrà benissimo, ma domani avrà la possiilità di rifarsi. Tornerò al più presto ad analizzare, vista anche la povertà di argomenti che i ragazzi ci forniscono sul campo, le partenze di Parnell nel dettaglio per vedere e scoprire cosa e come ha lanciato il nostro giovane pitcher.

Alla fine il solo Santana si salva dal disastro quasi generale. Ci sono però giocatori che hanno capito di giocarsi l’ingresso nel roster per la prossima santos in collisione a casa basestagione. Mi rifierisco a Pagan, che sta giocando molto bene sia in difesa che in attacco. Batte .297, non molti HR ma già 7 tripli. Buona velocità sulle basi si è anche distinto per alcuni recuperi difensivi non indifferenti. Insomma, non è Beltran ma sull’esterno centro la sua ottima figura la sta facendo.

Mi preme citare un altro esterno che si sta distinguendo nella mediocrità generale, Cory Sullivan. Riserva delle riserve si è ritrovato in campo a causa degli innumerevoli infortuni capitati alla squadra. Ha risposto bene, dando un buon contributo alla causa e permettendo a Pagan di rifiatare durante qualche giornata.

Notizie invece poco positive dal fronte infortunati. Delgado ha dovuto interrompere la sua riabilitazione dopo l’operazione per un problema muscolare. Accumula quindi ulteriore ritardo che non permette di sperare di rivederlo in campo molto presto.

Per Reyes le notizie sono sempre le stesse. Lesantana, laciatore e battitore contro San Diego probabilità di rivederlo per lo spring training 2010 sono altissime.

Beltran sta tentando di rientrare ma è tutto più difficile del previsto. Credo che lo potremmo rivedere prima del termine della stagione, forse verso fine agosto.

Sheffield ha avuto un lungo colloqui con Manuel a proposito della sua pemanenza a NY. Gary sarebbe contento di rimanere, Manuel sarebbe contento di averlo con lui. A quali cifre? Con che ruolo? Domande importanti alle quali andrebbe data una risposta abbastanza in fretta per capire se davvero il gioco possa valere la candela.

Da questa sera si ritorna al City Field, contro i lanciatissimi Giants. Seconda partenza per Parnell contro Zito. Se ha capito gli errori commessi nella prima potrebbe anche fare bene.

Nel frattempo mi pemetto di segnalarvi la nascita di un nuovo blog, quello dei Baltimore Orioles, tenuto dall’amico Pablets, già titolare di quello ufficiale sui Chicago Cubs. Blog molto ben fatto, improntato sul futuro di questa franchigia che pian piano raccoglierà i frutti dei suoi investimenti sul draft. Per ora godiamoci le imprese di Tillman e Matusz raccontate con solerzia di particolari dal l’autore. Il link lo potete trovare nella nostra sezione “blog amici”. Bravo Pab!

Categories: Regular Season 2009 Tags:

RBI o MRI?

August 6th, 2009 1 comment

pagan, primo HR, primo GS!

Altre 4 sconfitte e sole 2 vittorie nelle serie contro Arizona e Cardinals. Nelle 4 partite contro i D-Backs ne perdiamo 3, anche se il pareggio poteva essere alla nostra portata. Contro i Cards perdiamo la prima, che praticamente avevamo in pugno, e che K-Rod manda alle ortiche e vinciamo incredibilmente la seconda 9-0 dove però capita di tutto.

Ed è proprio da quest’ultima che voglio partire per risalire al titolo del post.

Gara 2 della serie contro St Louis, Niese sul monte. Il ragazzo sta lanciando bene nell ultime uscite. Non dico che sembra aver trovato il bandolo della coramatassa ma la curva entra e la fastball viaggia. Anche ieri andava forte. I battitori facevano fatica a toccarlo, a parte l’extraterrestre . Fino al secondo inning. Elimina due battitori ed anche questo sembra filare via liscio. Arriva al piatto Thurston. Batte una grounder che Murphy gira in doppio gioco per Berroa in seconda, lasciando scoperta la prima base. Niese va a coprire per chiudere il doppio ma il tiro di Berroa è corto e Jon deve allungarsi innaturalmente per chiudere la palla nel guanto. Si rialza, ritorna sul monte dicendo che sente un dolore dietro la coscia. Chiede un paio di lanci di prova. Al primo, stramazza al suolo ponendo fine alla sua partita e, come si scoprirà in seguito, alla sua stagione. Figueroa e Parnell portano a termine la partita mantenedo il vantaggio e non rischiando nulla.

Nel frattempo però anche per Gary Sheffield la partita termina in anticipo. Su una battuta profonda il veterano corre per raggiungere la seconda base. Macastillo arrivato presso il cuscino di prima si ferma, tra lo stupore generale, si tocca la coscia e prende da solo la via degli spogliatoi. Al suo posto Sullivan.

E sono due in un unica partita che per di più vinciamo 9-0.

Questo è il paradosso della stagione dei Mets, certamente non strutturati per vincere le WS ma di sicuro non aiutati dalla sorte.

Volete sapere perchè Castillo non era nel lineup di gara 2 contro i Cards? Perchè si era infortunato e fin qui tutto normale. Ma come? Rientrando dopo un inning di difesa è arrivato con troppo slancio presso i gradini del dogout e, scivolando, gli è ceduta la caviglia. Risultato? Day-to-day e forse fino a venerdi non lo vedremo in campo.

Schneider vs montero, scontro tra catchersUn piccolo aggiornamento sugli infortunati cronici:

Delgado: sta piano piano rimettendo in sesto la spalla. Dovrebbe rientrare a fine mese.

Reyes: qui le notizie sono più brutte. Il dolore al ginocchio non passa e lui non riesce ad essere al 100%. Circola persino la voce di una conclusione anticipata della stagione.

Beltran: ancora 1 o 2 settimane e dovremmo rivederlo in CF.

Maine: molto probabilmente la sua stagione è conclusa.

Mentre scrivo il nostro record è 51-56, distanti 10 partite dalla vetta della division e 8.5 dalla vetta della wild card comandata dai Giants.

La stagione va avanti ma la domanda sorge spontanea: alla fine dell’anno saranno di più gli RBI battuti o le MRI effettuate?

Categories: Regular Season 2009 Tags:

mets @ nationals 1-2

July 24th, 2009 No comments

Mets Nationals Baseball

Ennesima serie persa ed ennesima prova deludente della nostra squadra. Perdiamo due partite a fronte di una sola W. Alla squadra peggiore della East (anche se non ne sono più così sicuro) riusciamo a segnare solo 7 punti, Lannan (che fino alla partita contro i Mets aveva un’era di    ) ci serve uno shotout CG che diventa un evento per i Nationals. Scivoliamo sempre più giù in classifica e sanciamo la nostra totale impotenza di fronte alle avversarie che incontriamo.

Mi vorrei soffermare, dopo aver visto la serie, sul nostro lineup. Se i pitchers hanno fatto il loro lavoro (Hernandez e Pelfrey), senza contare che Perez più di 6 IP e meno di 6 BB non può non concedere, i nostri battitori si sono presi tre giorni di sciopero. In particolare vorrie porre la vostra attenzione sul lineup di mercoledi.

Lanciava Pelfrey.

  1. Pagan   .317
  2. Castillo .289 (espulso, al suo posto Tatis, noto seconda base)
  3. Murphy, ma perché?
  4. Wright
  5. Francoeur, il rinforzo di Minaya
  6. Sullivan
  7. Berroa
  8. Schneider
  9. Pelfrey

Non so quali potessero essere le speranze di Manuel quando piazzava in campo questi giocatori. A parte Wright e Pagan, che in questo momento tirano la carretta, il resto farebbe fatica in AAA. Abbiamo affrontato i Nationals, non i Boston Red Sox. E ci siamo fermati davanti ad un muro che è sembrato invalicabile.

I vari Dunn, Zimmerman e Guzman sembrava avessero davanti a loro vittime sacrificali. Morgan ha trovato 3 prese fantastiche all’esterno centro. Ma le nostre mazze quasi mai hanno impesierito i pitchers avversari.

Ed intanto i Phillies corrono, i Marlins tengono e i Braves continuano a sognare.

Halladay è sempre dato in trattativa con i Phillies, i Braves dopo Nate si sono presi da noi Church. I Cards sono vicinissimi ad Holliday. Insomma tutti ci provano, noi invece stiamo bene con i nostri Berroa e Francoeur. Mentre Fernando Martinez continua a giocare in AAA…

Prossima tappa, Houston Astros in piena lotta per la NL Central.

Noi continuiamo a tifare!

Categories: Regular Season 2009 Tags:

ritorno alla realtà

July 22nd, 2009 No comments

Ritorno a scrivere sul nostro blog dopo un periodo di ferie in cui però non ho smesso di seguire le sfortunate sorti dei nostri amati Mets. E come rientro vorrei proporre un paio di considerazioni, riassunto di tutto ciò che non ho potuto dire in questi 30 giorni di assenza forzata.

Partiamo da un dato di fatto: siamo lontanissimi dalla vetta della division e con più di un piede fuori dai playoff. Non mi va di ricercare le cause in tutte le DL che si sono susseguite in questi mesi anche se un loro peso l’hanno avuto sicuramente sul rendimento della squadra. Il problema secondo me più grave è il fatto di aver sottovalutato dei punti fondamentali  sia in fase di costruzione del roster  sia in fase di ri-costruzione del roster.

Per esempio, come si può considerare la nostra rotazione una rotazione da contender. Abbiamo Santana, ok. Ma dietro di lui? Partire in stagione regolare con Pelfrey considerato il nostro secondo miglior pitcher è quantomeno bizzarro. Lo stesso Pelfrey che 2 partite le azzecca e la terza tracolla, come sta ripetendo anche nel 2009. Il nostro terzo di rotazione è Perez ed evito ulteriori commenti. Dico solo che nelle partenze dopo il reintro dalla DL non è certo cambiato, anzi è rimasto il pitcher scarso di sempre. Poi c’era Maine, in DL,  ma non certo con troppi rimpianti. E poi si giocavano il quinto spot Hernandez, Redding e Garcia.

Questa secondo il nostro FO era la rotazione con cui dovevamo giocarci la division.

Sfortuna vuole che si siano rotti quasi tutti i migliori. Ma perchè in nessun ruolo, che sia 1B o SS o OF, non esiste nessuno in grado di tamponare la falla. Perchè dobbiamo inventarci Tatis SS oppure 1B all’occorrenza senza avere neanche lontanamente la parvenza di un lineup più profondo.

Perchè giochiamo ancora con Castillo e non abbiamo preso Hudson? Forse perchè si è inginocchiato davanti a Minaya pregandolo di farlo giocare? Che poi Louis non è neanche che stia andando così male.

Perchè sugli esterni se si fa male Beltran per noi è notte fonda?

Perchè è stato preso Sheffield?

Perchè vedo Murphy battere TERZO nel lineup? Per coprire Wright che batte dopo?

Perchè Wright ha imboccato una stagione di alti e bassi prorpio nel 2009?

Perchè Minaya ha preso Berroa???

E già che ci siamo, chi mi spiega quali vantaggi abbiamo ottenuto dallo scambio Ryan-Jeff?

Perchè Fernando Martinez, in questa situazione di stallo, non può essere il nostro LF titolare? Almeno capiamo quanto vale veramente.

Ed infine, chi di voi si immaginava di arrivare a fine luglio con la stagione praticamente da buttare? Forse nessuno ma a pensarci bene gli indizi parevano esserci.

Categories: Regular Season 2009 Tags: